Secondo Classificato per il 5 Anno

Marta Verzi

Attraverso la forza del disegno, il vigore della linea sinuosa e costruttiva, la studentessa è riuscita ad esprimere l’indicibile: il dramma vissuto da tante, troppe donne, violentate e offese, costrette in questi giorni a restare forzatamente in casa con il loro carnefice. Spessi segni neri tratteggiano occhi disperati, lividi e gonfi che ci immergono in un viaggio dentro la sofferenza. E poi, al centro della composizione, quella immensa mano maschile, metaforicamente enorme, per soffocare le urla di terrore. Ma non ci si abbandona alla disperazione, il messaggio è quello di non rimanere in silenzio, di denunciare e di riappropriarsi della propria libertà.

La motivazione è stata redatta dalla Professoressa Anna Amendola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...